Un po' di storia.. il 1995

Centro di iniziativa Culturale

PORTA STIERA

Bologna

 

una traccia delle nostri primi passi....

Incontri anno 1995... la nascita :

Dopo le prime tre iniziative indette nell'ultimo periodo, pensiamo ora che sia opportuno costituire formalmente il Centro di iniziativa culturale Porta Stiera, di cui il documento che ti alleghiamo in lettura costituisce, nelle nostre intenzioni, l'esposizione delle finalità. Consapevoli del patrimonio ideale che ci unisce e contando che la proposta incontri il tuo interesse, vorremmo coinvolgerti nella fondazione del Centro Posta Stiera.

Abbiamo dunque in programma di incontrarci martedì 18 luglio 1995 alle ore 21, in una sala parrocchiale di S. Maria della Carità, in via S. Felice 64, per parlarne insieme e decidere sulla data della redazione dell'atto costitutivo, nonché su una bozza di programma di attività per la ripresa autunnale. Cordialmente

 

....Cara amica, caro amico, come ricorderai, la sera del 18 luglio u.s., quando abbiamo esaminato insieme le iniziative da prendere per formalizzare il Centro di Iniziativa Culturale Porta Stiera, ci siamo lasciati riconvocandoci in settembre per definire il testo dello Statuto dell’Associazione, prima di incontrarci con il notaio per redigere l’atto costitutivo.

A tale scopo ci incontreremo MARTEDI 26 SETTEMBRE alle ore 21.00 presso la Parrocchia di S. Maria della Carità via S. Felice 64 La presenza tua e degli amici in indirizzo è particolarmente importante perché in quella occasione verrà stabilita la data per l’incontro con il notaio e verranno indicati anche i nomi (da comunicare al notaio) di coloro che ricopriranno le cariche sociali per il primo biennio di attività del Centro di Iniziativa Culturale Porta Stiera. Cordialmente Luciano Bocchi, Gianni Malaguti, Mauro Beghelli, Paolo Nicoletti,, Roberto Cinti, Giuliano Bettocchi, Walter Cavallari, Mauro Cardelli.

 

atto costitutivo

...Cara amica, caro amico, per redigere correttamente l’atto costitutivo del Centro Porta Stiera, occorre comunicare al Notaio, con adeguato anticipo, alcune deliberazioni riguardanti la struttura della nostra associazione. E’ per tale motivo che, nella riunione di martedì 26 Settembre u.s., appositamente convocata, sono state prese le decisioni che qui di seguito ti comunichiamo per memoria:

a) testo definitivo dello Statuto e del Documento “Porta Stiera”, ambedue allegati alla presente; b) il contributo associativo annuo è fissato in lire 50.000 (lire 20.000 per studenti); c) Presidente del Centro Porta Stiera per il primo biennio sarà Luciano Bocchi, mentre il Collegio dei Garanti sarà composto da Alfredo Bassoni, Mauro Cardelli, Roberto Cinti, effettivi, e da Mauro Beghelli e Gianni Malaguti, supplenti.

L’incontro con il notaio dott.ssa Carla Ostan è fissato per Martedì 7 Novembre alle ore 19 Via san Felice 64

Per ragioni legali, il Notaio, che predispone il testo dell’atto notarile, deve preventivamente conoscere i nomi e i dati di coloro che saranno presenti la sera di martedì 7 novembre. Poiché contiamo sulla tua presenza, ti preghiamo di compilare con i tuoi dati anagrafici il modulo accluso (allegando la fotocopia del tuo documento di riconoscimento e quella del tuo codice fiscale personale, ambedue necessarie al Notaio). Il tutto va consegnato, insieme al contributo associativo di lire 50.000, al più presto e comunque non oltre la sera del 25 c.m. (in occasione dell’incontro con la dott.ssa Flavia Franzoni Prodi) a Walter Cavallari, via U. Lenzi 10, tel. 55 26 78. Coloro che avranno consegnato il modulo e i documenti a Cavallari dovranno poi assolutamente essere presenti la sera del 7 Novembre in quanto dovranno firmare, unicamente in quella occasione, l’atto costitutivo della nostra Associazione alla presenza del Notaio. A rivederci presto, cordialmente Luciano Bocchi - Alfredo Bassoni - Mauro Cardelli Roberto Cinti - Mauro Beghelli - Gianni Malaguti Walter Cavallari - Mariarosa Nicoletti

 

....Cara amica, caro amico, è di grande attualità, specie in questi giorni di discussione della legge finanziaria, la problematica dell’intervento pubblico (statale, regionale, degli Enti locali) e della sua efficienza nel campo dei “servizi sociali” : sanità, assistenza, scuola, residenze per anziani ecc.; così come è di attualità la discussione in ordine all’interrogativo se sia giusto garantire tutto a tutti o se si debbano individuare precise priorità ed effettuare scelte di intervento sulla base dei reali bisogni.

Si tratta di problemi oltremodo concreti, che chiamano in campo la nostra disponibilità personale e collettiva ad una solidarietà che può anche voler dire rinunciare a parte del nostro livello di vita per “cederlo” a chi ne ha più bisogno. Diventa quindi sempre più importante essere informati per poter scegliere evitando di essere strumentalizzati.

A questo scopo, proseguendo gli incontri di approfondimento e discussione, ormai periodici, del “Mercoledì”, siamo ad invitarti Mercoledì 25 Ottobre alle ore 20.45, presso la sala della S.G. FORTITUDO, Via S. Felice 103, per affrontare insieme il tema:I SERVIZI SOCIALI NELLA NOSTRA REALTÀ

introdurrà il temala dott.ssa FLAVIA FRANZONI PRODI docente di organizzazione e programmazione dei servizi sociali all’Università di Bolognapresidente della Coop. IRESS

Certi di cogliere l’interesse di tutti, ti inviamo fraterni saluti, anche a nome degli altri amici Luciano Bocchi Alfredo Bassoni Mauro Beghelli Mauro Cardelli Walter Cavallari Roberto Cinti Gianni Malaguti Mariarosa Nicoletti

“In una situazione di grande frammentazione e di esasperata conflittualitàrischia di prevalere la logica dell’affermazione degli interessi e del profittodei singoli e dei gruppi, più che una reale ricerca del bene comune”.(dalla traccia di riflessione della Conferenza Episcopale Italiana per il Convegno di Palermo)

 

Cara amica, caro amico, ci sembra che la frase su riportata esprima una preoccupazione particolarmente attuale, dettata dalla consapevolezza che, se si affermassero definitivamente modelli e stili di vita individualistici, che frammentano la convivenza sociale a vantaggio dei più forti, ci troveremmo più poveri in molti, tutti più soli, tutti più indifesi davanti al “potere”, in primo luogo al “potere” di chi detiene i mezzi di comunicazione di massa. È possibile opporsi efficacemente a questo rischio? Quale ruolo e quale spazio politico possono avere le comunità che si formano in ambiti locali e definiti, religiosi e civili, come una parrocchia o un quartiere? Possono proporsi come ambito di saldatura dell’interesse individuale con quello collettivo, divenendo così fattori indispensabili alla creazione di una società più partecipata e più solidale? Per discutere di questi problemi, che ci sembrano fra i più importanti per la crescita della convivenza sociale nel nostro quartiere, nella nostra città e nel nostro paese,

ti invitiamo ad un incontro introdotto dal prof. ACHILLE ARDIGÒ venerdì 24 Novembre 1995, alle ore 21 presso la sala della S.G. FORTITUDO Via San Felice 103

In attesa di incontrarti, anche a nome degli altri amici del Centro Porta Stiera,ti invio fraterni saluti il Presidente (Luciano Bocchi)

 

Cara amica, caro amico, cercando, come sempre, di cogliere l’attualità delle situazioni che ci coinvolgono nella nostra vita quotidiana, riteniamo senz’altro utile e urgente riflettere e discutere fra di noi il problema della convivenza con gli immigrati «extracomunitari». Essi, infatti, sempre di più saranno fra di noi e con loro dobbiamo imparare a condividere progetti e speranze, combattendo l’ignoranza e il razzismo. Sono, ci sembra, problemi che non consentono a nessuno di «chiamarsi fuori».

Pertanto siamo a proporti di incontrarci Mercoledì 13 Dicembre 1995 alle ore 21 presso la Sala della S.G. FORTITUDO Via San Felice 103

introdurrà la discussioneil dott. GIACOMO MATTI esperto di problemi socio-comunitari e operatore nel settore degli immigrati

La serata costituirà anche la gradita occasione per scambiarci gli auguri di Buone Feste.

In attesa di incontrarti, anche a nome degli altri amici del Centro Porta Stiera, ti invio fraterni saluti il Presidente (Luciano Bocchi)